Il ritorno della schiscetta

Galeotto fu un sobbalzo del tram diretto a Milano nell’Italia del primo dopoguerra.

E’ una fredda mattina di dicembre del 1949. Il tram diretto a Milano, carico di pendolari, ha appena  superato Nova Milanese quando, all’improvviso, sobbalza. Un operaio al centro della carrozza perde  l’equilibrio. Dalle mani gli scivola il pentolino con la minestra per il pranzo che si rovescia sul cappello di un  altro passeggero.

Renato Caimi assiste alla scena e ha un’intuizione: perché non creare un contenitore che sia ermetico? Nel 1952 viene brevettata la schiscetta, che cambia per sempre le abitudini di studenti e lavoratori.

«Il gesto del portarsi il cibo a lavoro rappresenta una costante nel processo evolutivo dell’umanità, che ha assunto forme e pratiche consolidate quando abbiamo smesso di essere cacciatori e raccoglitori e siamo  diventati contadini e allevatori, sviluppando così un rapporto più organico con il cibo», spiega l’antropologo  culturale Piercarlo Grimaldi.

Se nel Medioevo la quotidianità era scandita seguendo il ciclo del sole, con il lavoro nei campi e una pausa  durante le ore più calde del meriggio, con la rivoluzione industriale, è la produttività a dettare i ritmi e la  pausa pranzo diventa tempo rubato al lavoro.  Il pasto centrale della giornata non è più un momento da condividere in famiglia le mogli preparano un  pranzo al sacco casalingo che possa trasmettere lo stesso senso di calore e di appartenenza anche se  consumato a distanza.

In un mondo che è diventato sempre più frenetico e impersonale, stiamo riscoprendo il piacere di un vivere lento e la schiscetta è tornata in gran auge. Complici i programmi televisivi dedicati al mondo della  cucina e a una ritrovata attenzione a ciò che mangiamo e al modo in cui lo mangiamo, gli uffici sono tornati  a popolarsi di thermos con zuppe calde, lunch box a più ripiani e bento box di ispirazione asiatica con  pratici scomparti in cui suddividere snack, frutta secca e portata principale.

Metodi di pagamento
Mastercard Visa PayPal Bonifico
Seguici sui social
Back to top