VISION BOARD: la spinta quotidiana per realizzare i buoni propositi

Vi è mai successo di stilare la lista dei buoni propositi sull’onda dell’entusiasmo da inizio anno (pensate che ansia da prestazione debba avere questo 2021), buttarvici a capofitto per tutto il mese di gennaio e abbandonarli miseramente a uno a uno nel corso dei mesi successivi?

Si arriva a giugno sull’orlo di una crisi di nervi, carichi di frustrazione e demoralizzati, come se i primi sei mesi fossero la cartina tornasole che rivela in maniera chiara e perentoria come si svolgeranno i restanti sei. A tutti è capitato di perdere la motivazione. A volte i risultati non arrivano nel breve periodo (spoiler, niente di veramente importante si ottiene nel giro di 30 giorni), o semplicemente ci siamo impuntati su una cosa convinti che fosse la chiave per la felicità, per poi ottenerla e scoprire di essere ancora insoddisfatti.

Momenti di svogliatezza capitano a tutti e tornare alle vecchie abitudini è un attimo, soprattutto quando non si ha ben chiaro il “perché” che sta alla base del cambiamento che stiamo cercando di mettere in atto. Declamare un obiettivo non basta, soprattutto se ricadiamo nei soliti “tornare in forma”, “guadagnare di più”, frasi trite e ritrite, più ritornelli che reali obiettivi. Si tratta di concetti troppo generici, non sufficienti a dare la giusta spinta nei momenti in cui vorremmo mollare.

Qui entra in gioco la vision board, ovvero una lavagna sulla quale fissare immagini e parole a rappresentare il futuro che vogliamo costruire, le aspettative che vogliamo soddisfare, i traguardi che vogliamo raggiungere. La componente visiva è essenziale: il cervello umano reagisce meglio agli stimoli visivi e concreti e li collega alla sfera emotiva, quella che parla al nostro io profondo, spingendoci all’azione.

Ecco una pratica guida step by step per costruire una vision board.

20 MINUTI SOLO PER TE

Accendi la tua candela preferita e butta giù su carta una lista di parole e obiettivi senza pensarci troppo. Sfrutta il flusso di coscienza per svuotare la mente e per fissare nero su bianco ciò che la affolla. Quali sono i tuoi obiettivi? Cosa ti piacerebbe raggiungere? Quale direzione vuoi prendere? Su cosa vuoi concentrare le tue energie? Suddividi queste parole in macro temi e cerca di trovare un filo conduttore unico, la parola del tuo anno.

Se preferisci, puoi definire prima le aree tematiche che ti interessano di più (ad esempio, lavoro, salute, tempo libero) e trovare poi 3 obiettivi che vorresti raggiungere. Cerca di visualizzarti nel futuro, non fermarti a cosa vuoi, ma ragiona su come vuoi sentirti.

LA BASE

La vision board può essere sia fisica che digitale. Sfrutta social come Pinterest o programmi di grafica se preferisci lavorare da pc, oppure procurati una bacheca in sughero, vecchie riviste, bigliettini e targhette e tutto il materiale creativo per realizzare la tua board. Puoi stampare le immagini più evocative, ricercarle tra le pagine di un magazine, disegnare a mano libera, scrivere, sfruttare puntine e nastri, scampoli di stoffa e carta colorata. Questo è il momento di lasciare correre la creatività a briglie sciolte.

IMMAGINI & PAROLE

E’ il momento di concretizzare il tuo flusso di coscienza. Scegli le immagini che evocano le sensazioni che ricerchi, le fotografie che rappresentano il futuro che vuoi raggiungere, le parole che meglio ti spronano ed ispirano. Possono essere citazioni di autori, titoli di film, locandine, strofe di canzoni. Gioca con i colori e le consistenze, crea qualcosa che stimoli il tuo cervello ogni volta che ci poserai sopra lo sguardo. Dedica tempo alla ricerca e alla selezione degli elementi che andranno a comporre la tua board: più riuscirai ad andare nel dettaglio, più efficace sarà il risultato finale. Non incollare subito i ritagli, ma prova diverse impostazioni e configurazioni fino a quando non troverai la quadra.

L’IMPEGNO

La vision board è un po’ come la linea guida che ti crei per l’anno nuovo, ma niente si realizzerà se non ti impegnerai. Dopo aver definito gli obiettivi, scomponili in passaggi più piccoli e crea una sorta di calendario da seguire, con step quantificabili in termini di tempo ed energia. Interrogati su ciò che ti serve e su come hai intenzione di soddisfare le necessità. E’ qui che sta la vera svolta. Siamo tutti capaci di dire “voglio rimettermi in forma”, ma se non ci impegniamo ogni giorno con un po’ di attività fisica non rientreremo per magia nei jeans che conserviamo nell’armadio. Ci vuole impegno, ci serve la motivazione.

SEMPRE SOTTO GLI OCCHI

Ed è qui che viene in nostro aiuto la vision board: ci aiuta ad avere sempre davanti agli occhi la meta che vogliamo raggiungere. Vedere concretamente un risultato serve a trovare l’energia quando ci sentiamo demotivati, a darci la carica quando non otteniamo risultati immediati. Ci ricorda non solo dove vogliamo andare, ma anche e soprattutto perché. Quindi assicurati di appenderla in bella vista, che sia in ufficio, in camera, accanto allo specchio in corridoio o in salotto. Scegli un posto dove sai che la vedrai ogni giorno, come un memento colorato e ispirante che ti guidi alla meta.

Con questi suggerimenti sarete in grado di creare la vostra personalissima vision board, da seguire giorno dopo giorno per portare a compimento i buoni propositi. E ricordate, il vero viaggio non è la meta finale, ma il percorso per arrivarci.

Metodi di pagamento
Mastercard Visa PayPal Bonifico
Seguici sui social
Back to top